Menu Content/Inhalt
Concept 2 Rowing machine review http://concept2rower.us 2017-18 NHL Season - http://pittsburghpenguinstickets.org Compare & Save Hello Dolly Tickets at www.wunderlandgames.com/_compareTemp/hello-dolly-broadway-tickets.asp Broadway and Off Broadway shows have a lottery, learn more at jerseyboysbroadwaytickets.us The Illusionists – Turn of the Century Tour illusionistsbroadwaytickets.us MLB 2017 season is about to start soon get ready clevelandindianstickets.us Fantastic seats at Broadway’s hit hamiltonbroadwaymusicaltickets.us
Home arrow Organizzazione arrow Comunicazione e divulgazione arrow Archivio news arrow Seminario contenitori in banda stagnata
Seminario contenitori in banda stagnata PDF Stampa
I risultati di alcuni lavori della SSICA presentati
alle aziende

imballaggiconvegno20k.jpgSicurezza e risparmio: due incontri a Parma e ad Angri hanno rivelato interessanti prospettive per produttori di imballaggi e aziende agroalimentari

Il 25 febbraio ad Angri e il 4 marzo a Parma la Stazione Sperimentale ha organizzato, in collaborazione con ANICAV (Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali)  e AIIPA (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari), un seminario dal titolo “Valutazioni sulle caratteristiche costruttive e prestazionali di contenitori metallici in banda stagnata per alimenti”. Gli incontri sono stati l’occasione per presentare i risultati di alcuni lavori della SSICA dedicati agli imballaggi.

imballaggiangri2.jpgLuigi Palmieri, Vicedirettore generale e Direttore della sezione di Angri, ha aperto l'incontro del 25 febbraio; Marco Molino, Direttore scientifico della Stazione, ha fatto da moderatore durante il seminario di Parma. In rappresentanza delle Associazioni di categoria sono intervenuti ad Angri Annibale Pancrazio, Vicepresidente dell’ANICAV e di Federalimentari, e Nicola Calzolaro, Direttore dell'ANICAV; a Parma, Marcello Mutti, Vicepresidente dell’AIIPA. La loro presenza è stata un invito a creare una stretta collaborazione tra la SSICA e le aziende, al fine di portare vantaggi all'intera filiera, come dimostrato anche dagli studi presentati, nati da sollecitazioni dei produttori.
imballaggimutti.jpg“Noi sfruttiamo poco la SSICA” ha affermato, infatti, Marcello Mutti “dovremmo invece imparare ad attingere al suo patrimonio di conoscenze riconosciuto in ambito internazionale”.
Il primo intervento è stato quello di Giuseppe Squitieri della SSICA di Angri che ha presentato la relazione “Influenza della presenza della riprotezione della saldatura longitudinale sulla corrosione al ferro in scatole grezze” .
Il confronto tra campioni di tre diverse tipologie di scatole grezze internamente contenenti passata di pomodoro e conservate a varie temperature ha dimostrato che anche in quelle non protette da stripe (la vernice che ricopre la saldatura) le concentrazioni di ferro, rame e stagno si imballaggisquitieriok.jpgmantengono a lungo al di sotto dei limiti di legge. Ciò vuol dire che nuove ricerche potranno portare alla realizzazione di imballaggi sicuri senza l’uso della vernice di protezione, semplificando i processi di produzione.
Squitieri ha presentato anche gli interessanti risultati ottenuti con l’ausilio dei dinamometri presenti nella sede di Angri: sottoponendo a prove meccaniche diversi contenitori è stato possibile valutarne le prestazioni. Ad esempio, è stato possibile stabilire se un coperchio “easy open” fosse adatto ad essere sottoposto ai trattamenti termici tipici del processo di lavorazione delle conserve; inoltre, si è studiato il comportamento dei flip (la parte centrale rialzata che segnala il “sottovuoto”) delle capsule per i contenitori di vetro, le cui prestazioni non eccellenti, in alcuni casi, non dipendono da un utilizzo scorretto da parte del trasformatore, ma da prestazioni non ottimali della capsula imballaggiangri1.jpgstessa (vedi Presentazione).
Di seguito, Chiara Zurlini della SSICA di Parma ha presentato la ricerca “Studio della vita commerciale di conserve di pomodoro confezionate in scatole smaltate internamente: influenza di diverse variabili di processo/prodotto”, a cui hanno lavorato anche Angela Montanari, Gaetano Fasanaro e Francesco Siano.
La sperimentazione ha studiato il comportamento di due tipologie di scatole smaltate internamente dopo il riempimento con diverse quantità di prodotto, a diverse temperature, con e senza getto di vapore. Sono stati aggiunti, inoltre, agenti corrosivi e, su alcune di esse, è stato praticato un graffioimballaggipezzaniok.jpg nello smalto. I risultati hanno permesso di stabilire il grado d’influenza che i diversi fattori hanno sulla conservazione del prodotto e, dunque, sulla sua vita commerciale. Si è visto, ad esempio, che il getto di vapore e una corretta temperatura di riempimento favoriscono la conservazione, la presenza di nitrati accelera i processi di corrosione più di quella del rame (alle concentrazioni del test), mentre la forma dei contenitori ha un’influenza pressoché nulla.
Dopo una breve pausa, l’incontro è proseguito con l’intervento di Aldo Pezzani della SSICA di Angri sul tema “Rapida corrosione al ferro in scatole per concentrato di pomodoro” .
imballaggimontanari.jpgQuesto studio analizza il caso di frequenti alterazioni nelle scatole da 100 g di doppio concentrato di pomodoro nei paesi a climi caldi. Studiando le confezioni, si è visto che la shelf life reale di questi prodotti, soprattutto se conservati ad alte temperature, è inferiore a quella prevista dalla legge, ma sono anche stati individuati possibili miglioramenti: utilizzare, ad esempio, vernici più elastiche o più coprenti per rafforzare i punti critici (la saldatura longitudinale, le nervature e i fondelli) può aumentare le prestazioni delle scatole ed evitare molti problemi.
Al termine delle relazioni, Angela Montanari, Responsabile del reparto imballaggi, ha presentato tutte le attività e i servizi a disposizione delle aziende in questo settore, ha ringraziato i partecipanti e li ha invitati a collaborare con la Stazione: solo così, infatti, si potranno svolgere ricerche più idonee a soddisfare le esigenze dell’industria conserviera.

 
< Prec.   Pross. >